Tag

, , ,

Dopo quelle di tofu della scorsa settimana ecco le polpette di seitan.

Anch’esso è un alimento piuttosto controverso della cucina vegetariana, lo si accusa al pari del tofu di essere un ingrediente poco saporito, ed eccessivamente costoso.  In realtà, non tutti forse sanno che si tratta di un alimento che può essere con un po’ di divertimento facilmente autoprodotto in casa, intrattenendo piacevolmente i bambini dal momento che implica una lavorazione sotto l’acqua e si tratta di un’attività manipolativa.

Ho inoltre notato nel corso degli anni, che i tipi di seitan in commercio sono estremamente diversi come sapore e consistenza gli uni dagli altri, e che quindi anche il risultato finale di qualsiasi preparazione può cambiare considerevolmente.

Personalmente ritengo che l’accoppiata legumi e cereali sia estremamente sana e completa, e che costituisca dal punto di vista nutrizionale la scelta migliore, ma ciò non toglie che di tanto in tanto il seitan possa costituire una valida ed appetitosa  alternativa.

In realtà, proprio perchè ricorda come aspetto la carne, il seitan può essere utile per transitare verso un’alimentazione vegetariana, per chi incontra delle difficoltà nel disabituarsi al gusto ed al sapore della stessa.

Di tanto in tanto mi piace prepararlo per i bambini che lo mangiano sempre volentieri, sotto forma di ragù, polpette, scaloppine, spezzatino.

Ecco gli ingredienti necessari per la ricetta di oggi:

  • 500 g di seitan non eccessivamente morbido
  • una carota
  • una patata precedentemente lessata o cotta al vapore
  • una cipolla
  • due spicchi d’aglio
  • sale
  • pepe
  • paprika
  • curry dolce
  • shoyu

Tritate sottilmente l’aglio, la carota e la cipolla e fateli soffriggere in un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva. Tritate molto finemente il seitan con il robot da cucina, questa è un’operazione importante, se il composto dovesse infatti essere troppo granuloso vi trovereste in difficoltà nel dar successivamente corpo alle polpette che tenderebbero a disfarsi. Unite al seitan, la patata ben schiacciata, e le verdure soffritte, aggiungete le spezie, se lo desiderate un goccio di salsa di soia, e regolate di sale e di pepe.

Ora prelevate l’impasto con un cucchiaio e formate delle polpette inumidendo le mani con acqua fredda, se il composto dovesse risultare troppo umido ed appiccicoso, potrete aggiungere pangrattato o farina. Disponete le vostre polpette sulla teglia ricoperta di carta da forno e cuocete a 190° finchè non saranno dorate, girandole a metà cottura. Se lo preferite, potranno essere cotte in padella, con l’olio, il gusto ne guadagnerà ancor più, ma questa versione senz’altro è migliore dal punto di vista della leggerezza e digeribilità.

About these ads